Crea sito
» Angeli Blu «
» Rubriche «
» Speciali «
» Servizi «
Documento senza titolo
 
 

»Speciali

Le tre Perline apportate da mamma Rita


Ai primi tempi della ricerca metafonica ero molto "pignola ";
mi informavo minuziosamente su tutto ciò che riguardava l'argomento per capire se c'èra verità in quella "realtà " .
L'ingegnere tedesco , specialista in elettronica , Theodor Rudolph ha detto :
" Chi vuole saperne di più sull'esistenza stessa della natura e sulle sue leggi fondamentali, deve riuscire a parlare con essa, deve, cioè, interrogarla e il linguaggio che serve per intendersi con la Natura è " l'esperimento ".

Così ho fatto e mi sono convinta che l'esperimento non ha un punto di arrivo .
C'è sempre , in tutto , una prima volta a qualunque età .
Con la metafonia sono arrivata ad avere una Fede conquistata e consolidata col lavoro di anni .
Tutto ciò che mi succedeva , mi dava grande gioia ,tuttavia mi costringeva a pormi domande su domande .
Non andavo oltre , perchè il tempo era poco e non potevo
" mettere troppa carne al fuoco "; aspettavo di avere una maggiore conoscenza dei vari fenomeni .
Ora vi racconto un altro fatto , di un dono che ho ricevuto da mia Madre, dall'altra dimensione .

Il 5 Febbraio 1991 , mamma Rina disincarnò .
Il Natale successivo invitai comunque la mia famiglia.
Vicino all'albero di mamma ci scambiammo i doni .
Era una consuetudine e questo faceva felice la mamma perchè ,
molto tradizionalista nelle ricorrenze , diceva sempre che il dono era un atto di amore .
Mamma aveva anche un bellissimo presepio : per me conservai la capanna con le relative statuine
come simbolo dalla Natività
e l'avevo posta sopra un mobile scuro e lucido .
La vigilia di Natale vidi accanto alla capanna una perlina di corallo rosa .
Precedentemente avevo avuto l'intenzione di comperarmi una collana di corallo rosa , ma quando entrai nel negozio ricordai
che a Giorgio , mio marito , non avevo ancora acquistato nulla e spesi tutto il mio gruzzolo per un anello per lui ,
rimandando ad altra occasione la spesa per la desiderata collana .

Feci vedere a Giorgio la perlina che avevo trovato , ma egli mi disse che non c'èra niente di strano
in quanto avevo molte collane di bigiotteria e quella perlina poteva essere mia .
Presi la perlina , la misi in una scatolina e me ne dimenticai .
Passarono tutte le feste natalizie .
Una volta ancora trovai una perlina uguale alla precedente
sul mobile scuro .
Corsi da mio marito per mostrargliela e per dirli che poteva essere un regalo di Natale di mia madre ,
visto che non mi ero potuta comperare
la tanto desiderata collana di corallo
.
Ancora una volta Giorgio mi rispose che non poteva accadere a noi tutto questo .
Riposi la perlina assieme all'altra e dimenticai .
Un giorno venne a trovarmi Ida , una componente del cerchio e io le raccontai la storia delle perline ,
presi la scatolina per fargliele vedere .
Ida ne prese una in mano e dopo un pò con emozione ,mi disse che la perlina scottava .
Incredula , dissi che non poteva essere , mi feci ridare la perlina ,ma immediatamente la dovetti lasciar cadere
come colpita da una scossa elettrica .Capito?.
Mamma sapeva
che volevo molte sicurezze prima di accettare il suo dono .
Quando Giorgio rincasò gli feci toccare le perline senza dirgli niente :lui constatò che emanavano energia .
Le portai al cerchio e le feci provare : molti avvertivano calore, energia , altri niente .
Poi raccontai loro i fatti . Mi fu consigliato di fotografarle .
Lo feci e il risultato
fu l'immagine di un volto di uomo che non so chi sia

Cinque anni dopo , nel 1996 , dopo aver fatto un restauro della mia casetta , verso Natale trovai una terza perlina
della stessa grandezza e colore delle precedenti .
Ringraziai , stavolta senza più dubbi la mamma Rina e mi comperai un piccolo cuoricino d'oro , vuoto all'interno ,
in cui ho fatto mettere le tre perline.da allora lo porto sempre con me appeso ad una collanina e continuamente ringrazio mamma Rina
per il suo prezioso Dono .
Ero e sono certa del suo "vivere " nell'aldilà e so che aiuta chiunque a comunicare con i propri cari .
Il suo amore è la mia guida .
Ogni azione ha una reazione , ogni reazione ha un'esperienza ,
ogni esperienza dà conoscenza e dalla conoscenza
c'è la percorrenza evolutiva dello spirito .
E' tutta una catena che ci unisce gli uni agli altri .
Non isoliamoci mai , ognuno ha bisogno dell'altro
e tutti abbiamo bisogno di conoscere Dio per capire il motivo dell'incarnazione .

Sempre e per sempre con amicizia la vostra amica venexiana
Adriana .

 

»Storie Vere